Cambiare il grip golf: guida ai passaggi fondamentali

Grip

Preposto a fasciare lo shaft del bastone, il grip golf è un elemento imprescindibile che assicura al giocatore un controllo preciso del colpo. Le sensazioni trasmesse dal grip alle mani sono chiamate, in gergo tecnico, ritorno di informazioni. E dipendono, oltre che dal tipo di impugnatura scelta, anche dalla qualità del grip stesso. Rispetto ad altri sport, fra cui il tennis ed il baseball, il grip del golf non appare come un nastro col quale fasciare la zona adibita all’impugnatura. Semmai, siamo di fronte ad una guaina al cui interno va infilato lo shaft. Realizzato generalmente in gomma, questa sorta di fodero tende ad usurarsi col tempo. Cambiare il grip golf quando è consumato è un’operazione chiave per mantenere la presa stabile. Di seguito, vedremo come farlo senza eccessive difficoltà. Ma prima, vogliamo ricordare che nel golf, col nome di grip, si intende anche il tipo di presa utilizzata dal giocatore. In altre parole, la posizione che avranno le mani intorno all’impugnatura.

Sostituzione del grip golf: operazioni preliminari

Grip

Prima di iniziare a cambiare il grip golf, è bene fare il punto della situazione, controllando di avere a portata di mano gli strumenti ed i prodotti specifici necessari. Se nella nostra officina o nel garage è presente una morsa, ci tornerà senz’altro utile per bloccare la mazza dal lato della faccia e lavorare con maggiore comodità. Avremo, poi, bisogno di un taglierino comune e di un raschietto. Altro elemento chiave è il nastro biadesivo, così come il solvente, meglio se spray. Infine, non potremo certo fare a meno del nostro nuovo grip.

Tutte le mosse per cambiare il grip golf in modo semplice e sicuro

Address: Esercizi per Migliorare lo Swing

Una volta bloccato il bastone con la morsa, è il momento di estrarre il vecchio grip golf. Per farlo è necessario romperlo, incidendo l’estremità più vicina alla faccia con il taglierino. Con grande attenzione, dovremo procedere al taglio del grip fino all’estremità opposta. A questo punto, sfilarlo è un gioco da ragazzi. Fra grip e shaft incontreremo i residui del vecchio nastro utilizzato che dovremo eliminare al meglio con il raschietto. Spesso quest’operazione richiede un po’ di tempo ed è necessario, quindi, armarsi di pazienza. Quando lo shaft sarà pulito, potremo procedere a cambiare il grip golf, applicandovi sopra un nuovo nastro. Parliamo di un nastro biadesivo, lungo quanto il grip, col quale fasciare lo shaft. Una volta eliminate le alette del nastro, è il turno del solvente spray da spruzzare sul nastro e all’interno del nuovo grip. Così facendo, sarà possibile infilare lo shaft nel grip senza frizioni, nonostante la presenza del nastro biadesivo. È proprio questo il passaggio più delicato e bisogna procedere con attenzione. Inoltre, è importante controllare che il posizionamento del grip sia corretto, ovvero che le lineette di cui è provvisto coincidano con la faccia del bastone. Ora non ci resta che attendere l’asciugatura del solvente. Il tempo varia a seconda del prodotto usato ma il nostro consiglio è di aspettare almeno 4 o 5 ore prima di scendere in campo.