Colpo

“No” è la risposta alla domanda contenuta nel titolo di questo articolo. Non è vero che un ferro del golfista vale l’altro e cercheremo di spiegare il perché, aiutandoti a trovare quello giusto. Ma prima di cominciare, ecco una piccola introduzione generale ai ferri, alle varie parti che li costituiscono ed al loro ruolo nel campo di gioco. I ferri appartengono alla categoria delle mazze da golf ma, rispetto a legni e putter, presentano caratteristiche peculiari. Tre sono gli elementi principali di un ferro del golfista: il grip, lo shaft e la testa. Il primo, come si evince dal nome stesso, è l’impugnatura del ferro, laddove cioè lo stringeremo con le mani. Lo shaft, invece, è l’asta alla cui sommità trova posto la testa: la parte che andrà ad impattare la pallina. Fondamentali nei lanci di media distanza, i ferri variano in numero da 1 a 9, per quanto oggi si utilizzino prevalentemente quelli dal 5 in su. Più il numero è elevato e più in alto volerà la pallina una volta colpita, mentre la distanza andrà accorciandosi. Dopo il ferro 9, infine, abbiamo i wedge, ferri con loft molto accentuato da usare in situazioni estreme, come l’uscita dal bunker o dall’erba alta.

 

Scelta del ferro: le variabili che fanno la differenza

Bastoni da golf per principianti o esperti: è importante scegliere bene.

L’acquisto di un nuovo ferro (o del primo ferro) è un’operazione di cruciale importanza dalla quale dipende l’intera esperienza sul campo. Il primo passo da compiere è scegliere un prodotto da destrorsi oppure da mancini, sulla base delle nostre caratteristiche. La lunghezza dello shaft è un altro aspetto chiave da valutare e viene rapportato all’altezza del golfista. Proprio per tale motivo, troviamo in commercio ferri pensati appositamente per l’uomo, la donna ed il bambino. Definiti Junior, questi ultimi sono disponibili in varie taglie a seconda dell’età del piccolo sportivo che li andrà ad impugnare. Anche la grandezza della testa influisce molto sulle performance di un ferro del golfista. Più la testa è larga e più facile sarà impattare la pallina, favorendo così il giocatore alle prime armi. Di contro, il golfista esperto apprezzerà maggiormente una testa piccola, in grado di offrire un controllo superiore sul tiro.

 

Livello tecnico e materiali costruttivi: un ferro del golfista giusto per ogni sportivo

Colpo da golf perfetto: con quale mazza?

Abbiamo visto come le dimensioni della testa possano influenzare lo stile di gioco. Ma anche la composizione dello shaft esercita un peso considerevole. Acciaio e grafite sono i materiali con cui viene realizzato e la cui differenza principale è tutta nel peso. Una canna in grafite, essendo più leggera, richiederà una quantità inferiore di forza per ottenere la stessa distanza raggiungibile con uno shaft in acciaio. E per questo, si mostra ideale per principianti e amatori. I professionisti, e più in generale i giocatori forti, trarranno notevole vantaggio dallo shaft in acciaio che consentirà loro di imprimere maggiore potenza alla pallina.