Per non fare errori e ottenere buone performance sul green, è fondamentale partire dalla...teoria!

Il 2019 sarà un anno rivoluzionario per il golf, cambieranno moltissime regole!

Prima di andare ad analizzare le variazioni, è importante soffermarsi sul significato intrinseco di questo cambiamento, rilevante sia da un punto di vista ideologico che pratico.

 

C’è una marcata volontà di rinnovare il golf rendendolo più veloce e accattivante ai non esperti. In altre parole, è necessaria una ventata di rinnovamento senza però staccarsi troppo dalla tradizione scozzese di St Andrews, che nutre questo sport di lealtà e agonismo, da più di 600 anni.

Il cambiamento che vedremo nel prossimo anno sarà orientato a velocizzare il gioco, a renderlo più semplice ma, soprattutto, più spettacolare, visto il crescente interesse delle reti televisive per i tornei più importanti.

Questo processo di cambiamento, partito grazie alla volontà della Royal and Ancient Golf di St Andrews e la United States Golf Association, è iniziato nel 2012 e si è concluso pochi giorni fa.

Dimples

Andiamo a sintetizzare di seguito alcune delle principali modifiche che andranno ad impattare i giocatori di circolo, escludendo quindi le modifiche che interesseranno maggiormente i professionisti.

  • PALLA MOSSA sia sul putting green che nella ricerca della palla, se la muoveremo involontariamente non ci sarà penalità. Dovremo ripiazzarla nel punto esatto o se non conosciuto nel punto stimato.

 

  • PALLA FUORI LIMITE, si potrà droppare la palla in fairway nel punto più vicino dove la palla è persa o fuori limite, con la penalità di due colpi. Oppure utilizzare la “vecchia regola” di ritirare con un colpo di penalità.

 

  • PALLA IN VOLO DEVIATA DAL GIOCATORE O DAL SUO EQUIPAGGIAMENTO, non ci sarà più penalità e la palla verrà giocata dalla nuova posizione

 

  • DROPPAGGIO dall’altezza del ginocchio, non più da altezza-spalle.
  • MISURAZIONE DELL OVVIARE verrà fatta sempre con il bastone più lungo della sacca ad esclusione del putter.

 

  • IL DOPPIO TOCCO DELLA PALLA NON E’ PENALITÀ se si toccherà accidentalmente la palla più volte nell’eseguire lo swing, verrà considerato un colpo solamente.
Buca
  • PUTT CON BANDIERA E PUTTING GREEN, si potrà eseguire il putt con la bandiera nella buca, inoltre sul putting green potremo riparare qualsiasi segno ( chiodi scarpe, agente esterno…).
  • AREE DI PENALITÀ’ ROSSE, si potrà ovviare l’interferenza anche lateralmente, inoltre non ci sarà penalità per aver mosso impedimenti sciolti o per toccare il terreno con il bastone, si potrà eseguire lo swing di prova.
Giocatore di golf con polo rossa e shorts blu
  • NEL BUNKER, non ci sarà penalità per aver toccato o tolto impedimenti sciolti, inoltre si potrà ovviare fuori dal bunker con due colpi di penalità.
  • VELOCITÀ’ DI GIOCO, non ci saranno più cinque minuti per la ricerca della palla, ma solamente tre; incoraggiamento del “ chi è pronto gioca; Si raccomanda di non impiegare più di 40 secondi per eseguire il colpo.
  • SCORE MASSIMO, sia nella formula medal che nella stableford, verrà inserita una regola locale con un massimo di colpi.

Le regole di etichetta non cambiano e rimangono il vero valore aggiunto di questo sport.

 

Per chi fosse invece interessato a conoscere tutti i cambiamenti apportati al regolamento, vi invitiamo a consultare questo link.

 

Buon gioco a tutti!

Paolo Spada
Sport Leader Golf
dalla Logistica di Castel San Pietro (BO)