di Paolo Spada

Il guanto nel golf è un simbolo, anche i non golfisti sanno che si usa un guanto bianco per giocare, andiamo quindi a fare chiarezza su questo argomento, rispondendo alle domande più comuni.

Perché si usa il guanto?

Il guanto si usa per avere maggior grip nell’impugnatura del bastone e anche per evitare grosse vesciche ed escoriazioni varie.

L’impugnatura della mazza non è molto soffice e, se questo da un lato garantisce maggior sensibilità, dall’altro comporta che la mano è soggetta a lesioni di vario tipo, quindi avere il guanto diventa fondamentale, non obbligatorio, tanto è vero che alcuni giocatori non lo usano ma sono davvero pochi. D’altronde se tutti i più grandi professionisti usano il guanto…un motivo ci sarà no?

Perchè solo un guanto? in quale mano?

Il guanto si mette nella mano “debole”, ovvero, se siamo destrorsi nella sinistra, se siamo mancini, nella destra. I destrorsi caricheranno il backswing sulla loro destra, i mancini l’esatto contrario: il guanto permette alla mano debole di non perdere la presa dopo l’impatto con la pallina.

Gli inglesi, padri di questo gioco, dicono: “The gant is the second skin” – il guanto è la seconda pelle, pertanto l’ideale è che calzi in modo aderente, non bisogna sentirlo largo, e nemmeno troppo stretto, questo per aver il miglior grip possibile. Esistono infatti molte taglie, sia da uomo che da donna, per avere più possibilità di scelta della giusta misura. 

Il guanto perchè è bianco? di che materiale è fatto?

Il golf è uno sport di antiche tradizioni, e il bianco era un simbolo di eleganza, ad oggi esistono guanti di tutti i colori, come le palline del resto, ma il bianco è di gran lunga il più utilizzato.

Il guanto da golf è in pelle, e qui abbiamo la prima grande distinzione, con caratteristiche tecniche differenti:

 

  • pelle sintetica, sono composti da un mix di materiali che al tatto assomigliano molto alla pelle, sono più robusti e spessi particolarmente adatti ai neofiti che tendono a stringere molto l’impugnatura della mazza, inoltre questi guanti sono più economici di quelli di vera pella.

 

  • guanti in cuoio, questi guanti hanno un tatto molto più sensibile, sia per il materiale, molto morbido, sia per il finissimo spessore.

Rispetto a quelli sintetici hanno molte meno cuciture e sono i preferiti dai giocatori di buon livello.

 

Esistono moltissime marche di guanti da golf (FootJoy; Inesis; Taylormade; Fit39), tutte garantiscono le peculiarità tecniche di cui abbiamo scritto (vestibilità, morbidezza, grip, comfort…); ma il guanto giapponese FIT39 si distingue per il materiale speciale e totalmente anallergico e antibatterico di cui si compone. Questa caratteristica si rivela molto utile soprattutto nel periodo estivo, in cui la mano è più soggetta a sudare per tutto il tempo della gara e ciò può favorire la creazione di batteri, il tessuto del guanto FIT39 evita questa formazione.

Guanti per tutte le stagioni?

Il guanto da golf di norma è utlizzato in qualsiasi periodo dell’anno ma, per quando fa molto freddo, e quindi occorre avere una protezione termica alle mani, esistono anche i guanti invernali, che sono venduti al paio, perchè la loro principale funzione è dare calore, quindi servono per entrambe le mani.

guanti da golf invernali sono più spessi e sintetici, ma hanno comunque un buon grip, anche se alcuni giocatori non amano portare i guanti invernali e optano per delle grandi muffole da indossare sopra al guanto estivo nei tragitti tra un colpo e l’altro e stando in “versione estiva” nel momento dello swing, questo è il metodo che utilizzano la maggior parte dei professionisti, che ricercano la massima sensibilità nel grip.

Infine esiste il guanto da pioggia, ovvero un guanto singolo che è di pelle sintetica, mista ad altri materiali nella parte del palmo, che a contatto con l’acqua aumentano il grip del guanto. Per esperienza, consiglio sempre di averne uno in sacca pronto all’uso in caso di improvvisa pioggia.

E’ infine fondamentale utilizzare questo tipo di guanto solo quando piove: senza l’acqua il suo grip è molto più debole.

A questo punto, non vi rimane che scegliere il guanto più adatto a voi e andare in campo!

 

 

Paolo Spada
Sport Leader Golf
dalla Logistica di Castel San Pietro (BO)